Finanziamenti: chi è e come trovare un business angel

Finanziamenti: chi è e come trovare un business angel

February 13, 2021 0 By Sylvia Allegri

Se hai un’idea vincente che può funzionare, ma sei bloccato dalla mancanza di finanziamenti, la risposta potrebbe essere trovare un business angel. Questo è un modo per avere liquidità uscendo dal circuito delle banche.

La mancanza di capitale per far partire la propria attività è un problema a dir poco comune, e molte buone idee rischiano di non vedere la luce per questo motivo.

Ma se hai deciso di buttarti nel mondo delle startup non disperare: c’è sempre un modo per trovare il finanziamento iniziale. Ecco qualche nozione per scoprire chi è e come trovare un business angel.

Chi è il business angel

Forse per qualcuno sono una novità, ma questa figura risale ormai a un paio due secoli fa.  Compaiono per la prima volta nella New Yotk dell’800, per sostenere e finanziare progetti ad alto rischio. Molti spettacoli teatrali hanno visto la luce grazie a questi investitori; senza di loro, forse Broadway non sarebbe quello che è oggi.

Il business angel è, in breve, una persona che ha un abbondante capitale personale a disposizione ed è disposto a finanziare piccole imprese e startup; entra così a far parte dell’attività, in modi e forme che vengono valutate di volta in volta.

Vediamo come opera un business angel.

1.      Principi e valori

Ricorda allora che un business angel non sceglie sono un progetto, ma anche chi lo propone. Quindi è importante trovare un investitore con cui condividere obiettivi e  valori. Non si tratta solo di avere dei soldi per creare un prodotto da vendere. E’ insomma l’incontro con un nuovo socio, con cui avere in comune principi e finalità.

2.      L’identikit

Chi sono gli angeli del mondo degli affari? Molto spesso sono persone in pensione o che non hanno più un ruolo di primo piano nel lavoro; in ogni caso, quasi sempre annoverano un passato da imprenditori.  A quanto emerge dalle ricerche, hanno un patrimonio anche di 2 milioni di euro; ne dedicano solitamente il 10% a finanziare progetti innovativi.

Non si tratta quindi semplicemente di mettersi in affari perché a loro nemmeno serve. Di conseguenza è la volontà di dare una spinta a chi ha un’idea ma non le risorse, che li porta a investire. Cercano idee in cui credono; ecco perché la presentazione del progetto è fondamentale.

3.      L’investimento

Quindi un singolo business angel può investire cifre che vanno da qualche migliaia di euro, fino a circa 100 o 200mila euro. Sopra questo importo, spesso preferiscono riunirsi in gruppi, per dividere i rischi, ma anche per avere un maggiore supporto. Questo perché una startup che necessità di un tale finanziamento, è anche impegnativa da gestire.

 

Come trovare un business angel

Per chi si approccia a questo mondo, i primi contatti avvengono sempre online. In rete potete trovare le principali associazioni riconosciute che riuniscono questi investitori. Ecco le più conosciute

  • IBAN

Acronimo di Italian Business Angel Network riunisce investitori informali, tra cui per esempio manager o titolari di imprese in pensione; hanno quindi  a disposizione mezzi, capacità gestionale e un bagaglio di esperienze.

  • ITALIAN ANGELS FOR GROWTH

Al momento è la più grande rete in Italia, con oltre di 200 finanziatori attività

  • CLUB DEGLI INVESTITORI

Sono più di 150 i business angel di questo club, che cercano startup e innovative e ad elevato potenziale di crescita.

 

Il primo passo è quello di studiare i siti di queste associazioni per capire che tipo di progetti hanno più possibilità di essere finanzianti. Ogni gruppo di investitori cerca cose diverse, quindi presenta la tua candidatura per quello con cui senti maggiormente in affinità.

Puoi anche provare a chiedere informazioni alla tua banca o a un consulente finanziario. Ci possono essere investitori che operano privatamente sul “passa parola”. La tua occasione può essere più vicina di quanto pensi.