Sanificare il condizionatore: come fare e perché è fondamentale

Sanificare il condizionatore: come fare e perché è fondamentale

May 18, 2020 0 By Sylvia Allegri

In un periodo storico come quello che stiamo vivendo in cui si pone grande importanza sul tema della corretta igienizzazione degli ambienti domestici, lavorativi e dei vari complementi d’arredo, particolare importanza riveste la sanificazione del condizionatore perché il suo processo di trasformazione dell’aria presa dall’esterno avviene tramite un gel che ha il compito di raffreddare l’aria.

Per questo si sente un vento fresco, quando il condizionatore è azionato. Tale gel però non ha il compito di rimuovere germi e batteri che già sono presenti nell’aria esterna e per questo motivo, si rischia poi di respirarli, così come è possibile che si respiri anche i cumuli di polvere che si formano con il passare del tempo, all’interno del macchinario.

Per questo motivo occorre pulire il condizionatore con prodotti appositi e soprattutto fare in modo che tale pulizia venga effettuata in modo regolare.

Come effettuare corretta sanificazione

Sanificare il condizionatore è importantissimo, anche perché nell’aria che viene trasformata e immessa poi all’interno del locale o della propria abitazione, potrebbero essere presenti molti germi e anche diversi accumuli di polvere.

Questi elementi possono essere molto dannosi per la propria salute e per questo motivo è bene provvedere ad una corretta pulizia del macchinario.

Per riuscire a svolgerla nel modo corretto, si dovranno prima di tutto smontare i filtri e nello stesso momento anche pulire gli erogatori.

Per quanto riguarda i primi, ma anche i secondi, in commercio esistono dei prodotti appositi che possono essere acquistati anche ad un prezzo basso, ma che garantiscono una corretta igienizzazione.

Il costo di tali detergenti di solito non raggiunge i 20 euro, anche se in alcuni casi può salire.

Il tutto dipende ovviamente dal tipo di prodotto che si desidera acquistare.

Per pulire a fondo il condizionatore però ci sono anche altri elementi da dover sapere.

Fare attenzione ad eseguire correttamente le varie fasi

Nel momento i cui si spruzzano all’interno i vari prodotti, si deve sottolineare l’importanza di lasciar spento il condizionatore.

Dopo aver svolto la pulizia, si potrà riaccendere il macchinario, in modo che i prodotti riescano a diffondersi al meglio nelle sue componenti.

A volte però è necessario rivolgersi al personale esperto, quindi ad un tecnico specializzato, per riuscire ad effettuare tale pulizia e soprattutto svolgerla anche all’interno dei condotti aria condizionata.

Se invece si è già esperti in materia, si potrà anche svolgere la pulizia direttamente con il metodo “fai da te”.

Si ricorda che pulire il condizionatore è molto importante non solo per disinfettare l’aria e quindi allontanare il rischio di germi e batteri, ma soprattutto serve anche per ottimizzare il funzionamento del condizionatore.

Oltre a questo, un altro vantaggio di una pulizia regolare e svolta in modo corretto può riguardare persino un certo risparmio energetico.

Quest’ultimo è dovuto al fatto che se il macchinario funziona senza fatica e quindi in modo corretto, in automatico non avrà bisogno di consumare ulteriore energia.

Per quanto riguarda invece le giuste tempistiche per effettuare una corretta pulizia del condizionatore, l’ideale sarebbe svolgerne una prima di accenderlo per l’arrivo della stagione estiva, oppure una ogni 2 mesi, se lo si tiene acceso molto spesso.

Come si è visto, pulire il macchinario in questione è molto vantaggioso, ma non ci si deve dimenticare che nel caso non si fosse esperti, meglio rivolgersi ad un tecnico specializzato.