Il business dei gioielli usati: cos’è e come funziona

Il business dei gioielli usati: cos’è e come funziona

June 15, 2020 0 By Sylvia Allegri

La vendita di gioielli usati è molto comune, sia per ottenere liquidità immediata in un momento difficile, sia per sbarazzarsi di preziosi non utilizzati. Ci sono diversi canali per la vendita dei gioielli usati e diverse regole che essi devono seguire.

Vendere gioielli usati: cosa influisce sul valore?

I Compro Oro sono cresciuti nell’ultimo anno di circa il 22%, segno dell’interesse che il business dei gioielli usati suscita nel pubblico e nel mercato; la crisi innescata dal nuovo Coronavirus poi, ha determinato il ricorso alla vendita dell’oro, come testimoniano le code davanti ai Monti di Pietà.La vendita dell’oro, ma anche argento, platino, palladio e pietre preziose, seguono delle regole proprie; alcuni negozi e canali acquistano il gioiello in quanto tale, mentre altri ne usano le parti preziose e mandano i metalli alla fusione. Prima di tutto, sebbene i metalli preziosi siano un bene di rifugio sempre allettante, occorre tenere presente che anch’essi sono sottoposti a continue fluttuazioni. Sarà bene quindi verificare prima le quotazioni di mercato, se avete intenzione di vendere i vostri preziosi. Inoltre, la quotazione di mercato si riferisce al valore dell’oro puro, mentre nei gioielli di solito è fuso con altri metalli (da lì arriva la dicitura dei carati). Per determinare la quotazione dell’oro si considera il valore del fixing di Londra, aggiornato quotidianamente.

Oltre alla caratura (cioè alla purezza) che deve essere riportata sul gioiello, e al peso, il valore dell’oro è dato da:

  • Stato di usura e interventi eseguiti sull’oggetto: lo stato di usura può avere un impatto estetico negativo, così come le riparazioni e le restaurazioni, di cui si deve tenere conto anche del materiale;
  • Certificato di garanzia: è la carta d’identità del gioiello, che ne attesta la purezza ed il valore e riporta i dati tecnici;
  • Marchio: un gioiello di un marchio particolare potrebbe avere un valore più elevato, ma non tutti i canali valutano il brand come elemento essenziale, soprattutto se il gioiello è destinato alla fusione.

Inoltre,se è facile capire il valore sul mercato dei metalli, per le pietre preziose non è la stessa cosa; esiste per i diamanti ad esempio, il listino Rapaport che viene pubblicato ogni settimana. Si tratta di una matrice dei prezzi per i diamanti, catalogati per dimensione, forma e altri parametri, sulla base delle quotazioni della borsa di New York ma non è risolutivo e univoco come le quotazioni dei metalli.

I principali canali per la vendita di gioielli usati sono generalmente i canali di scambio tra privati; le aste e i Monti di Pietà e infine, i Compro Oro.

Canali privati e business dei gioielli usati on-line

Nel momento in cui si prende coscienza del valore dei propri gioielli e si decide di venderli, esistono alcuni canali in cui muoversi per raggiungere direttamente acquirenti privati.  È possibile sfruttare piattaforme di intermediazione, come Ebay o anche Etsy, oppure inserire degli annunci su piattaforme come subito.it o Shpock. Esiste poi una piattaforma, I do -Now I don’t, che mette in contatto privati interessati alla compravendita di gioielli usati, ma in questo caso va valutata con attenzione la normativa doganale, anche in base al valore effettivo dell’oggetto. Ognuna di queste piattaforme prevede una commissione, di cui tenere conto. Non è possibile rivolgersi invece ai Compro Oro tramite canali diversi rispetto a quelli fisici.

Compro Oro e Banchi dei metalli

I Compro Oro e in generale i banchi dei metalli preziosi, sono in constante crescita. La legge è molto stringente, per la tutela del consumatore ma anche per evitare fenomeni di riciclaggio e infiltrazionemafiosa. Prima vendere è possibile bloccare il prezzo della quotazione dell’oro presso molti rivenditori; successivamente, se maggiorenni, bisognerà recarsi nel negozio fisico, muniti di carta d’identità e codice fiscale. Il venditore provvederà ad una valutazione dei gioielli, registrando poi l’avvenuta transazione in un apposito registro a disposizione delle Forze dell’Ordine. Una volta finalizzata la vendita, il pagamento massimo in contanti sarà di 999 euro e il bene verrà inserito nel registro dei gioielli usati. Per i successivi 10 giorni, il bene venduto verrà sottoposto a un fermo: verrà controllato dall’autorità preposta; inoltre, il venditore ed il cliente in questo periodo hanno la possibilità di recedere dal contratto. I Compro Oro devono essere iscritti obbligatoriamente ad un registro apposito.

La permuta dell’oro

Un metodo alternativo rispetto al Compro Oro è la permuta dell’oro. Questo canale per il business dei gioielli usati è sfruttato solitamente dalle gioiellerie, in cui dei gioielli datati vengono dati al negozio in cambio di quelli nuovi, per cui poi verrà pagata la differenza. Non sempre il cambio è favorevole e anche qui bisognerebbe indagare in precedenza su prezzi, quotazioni e recensioni del punto vendita.

Monti di Pietà e oro in pegno

Questo istituto non è un vero e proprio canale di vendita, perché si tratta spesso di una situazione temporanea. Il Monte di Pietà solitamente si trova all’interno di un istituto bancario; i gioielli o altri oggetti di valore, vengono dati in pegno per un periodo determinato e spesso rinnovabile, e fungono da garanzia per un prestito. Al termine del periodo di pegno, il proprietario può riscattarli, cioè pagare per intero prestito ed interessi; oppure verranno messi all’asta ed il ricavato servirà a ripagare il prestito, mentre l’eccedenza verrà data al proprietario del bene. Solitamente la quotazione garantisce un prestito inferiore di 4-5 volte il valore dell’oggetto dato in garanzia.

Case d’aste

Questo canale per il business dei gioielli usati è marginale per il grande pubblico, ma importante sotto l’aspetto economico. In genere, è opportuno rivolgersi a una Casa d’Aste quando il gioiello che si desidera vedere ha un valore particolarmente elevato e/o è di antiquariato.

Il business dei gioielli usati è molto florido e conta diversi canali, sia per la vendita che per l’acquisto. Basato sulle fluttuazioni di Borsa dei prezzi, il valore dell’oro e dei gioielli varia con il tempo ed è quindi opportuno informarsi prima di procedere alla vendita. Da non dimenticare le leggi stringenti sui Compro Oro, in funzione anti-riciclaggio, e l’opportunità della permuta e della compravendita tra privati su canali on-line.